Lucca Comics, dal 30 ottobre una nuova strabiliante edizione

 

Lucca Comics, dal 30 ottobre un nuovo strabiliante appuntamento

Dal 30 ottobre al 2 novembre si svolgerà a Lucca il Festival Internazionale del Fumetto. Meglio conosciuto semplicemente come Lucca Comics, l’appuntamento negli anni è diventato il più seguito e il più importante del settore e genera cifre da capogiro persino per le fiere più importanti d’Italia. Nel 2013 sono stati venduti oltre 217 mila biglietti inclusi gli abbonamenti, con un picco di 56 mila visitatori per la giornata del 3 Novembre. Sempre nel 2013 l’organizzazione ha stimato una presenza totale, compresi i non paganti che hanno visitato le mostre e partecipato agli eventi gratuiti, di 380.000 visitatori.

Emozioni più dei numeri al Lucca Comics

Entrare in una fiera interazionale del fumetto come quella di Lucca è molto più che semplici numeri e cifre di accesso, significa entrare in universi transmediali nei quali capita di incontrare “di persona” Batman e Catwoman prima che inizi il loro film, o che uno zombie di The Walking Dead ti allunghi un fumetto, mentre una sensuale Lara Croft ti porge una consolle per videogiocare con lei.

Lucca Comics, dal 30 ottobre un nuovo strabiliante appuntamento

Le novità dell’edizione 2014

Difficile, anzi quasi impossibile, riassumere in un articolo tutti gli appuntamenti del Lucca Comics, sia durante i canonici quattro giorni del festival che durante il periodo (dal 18 Ottobre al 2 Novembre) delle mostre.

Cominciamo dalla sezione ospiti , alcuni dei quali provenienti dal Giappone come il due Pia-no-Jac, o per la prima volta al Festival come Joe Amberone, autore della trilogia di  best seller The first law. Tra gli altri la bellissima Airly pin up giapponese del momento; Fabiano Ambu docente dei workshop Junior per illustratori; Paolo Baccileri autore della graphic novel Zero Porno; Pierdomenico Baccalario con l’ultimo libro Un drago nel sul salotto; Franz Di Cioccio già dei PFM e i suoi Slow Feet; Federica di Meo per un laboratorio sui manga; Francesco Falconi, creatore della saga estasia che presenterà il suo ultimo romanzo; Guglielmo Favilla e Alessandro Ballucchi giovani autori di Donatello (Kleiner Flug); Clara Serina cantante dei Cavalieri del Re; Slugger Punch che mixeranno vocaloid e anime in atmosfere elettroniche; Matteo Strukul, fondatore del movimento letterario Sugapulp; Superobots mitico gruppo di sigle cartoon anni ’80-’90.

Lucca Comics, dal 30 ottobre un nuovo strabiliante appuntamento (2)

Ci scuseranno gli altri innumerevoli ospiti che non siamo riusciti a citare!

Gli eventi imperdibili

Ogni appuntamento viene visto e assaporato con gli occhi di un bambino a Lucca, ma se proprio dovessimo scegliere due appuntamenti che must della kermesse, sarebbero sicuramente le ruolimpiadi. Nate nel 1995, si tratta di scontri tra giocatori di ruolo in vari role gaming. Al secondo posto la sfilata di cosplayer robot per i maschietti in genere e manga anime giapponesi per le femminucce. Confesso di avere un debole per una delle più famose cosplayer italiane Fiore Manni, conduttrice di Camilla Store, popolare trasmissione di fashion e style per pre-adolescenti in onda su Super e sulle reti Sky. Altri appuntamenti e contest in dettaglio sono il Mangaka Contest e il concorso Lucca per illustratori e fumettisti, ma vale la pena dare uno sguardo al programma completo per scegliere secondo le proprie preferenze.

 

Come già anticipato, la Fiera del fumetto, viene preceduta di un paio di settimane dalle innumerevoli mostre, tutte curatissime, anche se probabilmente quest’anno la più attesa sarà quella sul fenomeno indie diventato globale di The Walking Dead.

Lucca Comics, dal 30 ottobre un nuovo strabiliante appuntamento

Nel 2003, Robert Kirman si presentò all’Image Comics con un’idea per un fumetto seriale a tema zombie. Era un’idea che rispondeva alla domanda a lungo posta da generazioni e generazioni di cinefili e adoratori dei morti viventi – fin dal primo gioiello targato George A. Romero nel lontano 1968 – ovvero “cosa succede ai sopravvissuti alla catastrofe dell’umanità una volta che cavalcano verso l’orizzonte in cerca di speranza e una cura che ristabilisca l’ordine devastato dai claudicanti cadaveri?”. E così, passo dopo passo, Rick Grimes e il suo sparuto gruppo di sopravvissuti, perfetta raffigurazione di una comunità che nonostante le situazioni a rischio non vuole rinunciare, nel bene e nel male, alla sua umanità, ha preso forma sulle tavole a fumetti in bianco e nero, sapientemente raffigurate prima da Tony Moore e poi da Charlie Adlard. Così dieci anni e più dopo la sua nascita, The Walking Dead è un’icona pop che vanta un serial tv di spessore adorato da milioni di fan, merchandising dedicato e un mood nuovo di zecca nel rapporto tra umanità in fuga e masse affamate di zombie ululanti.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *