Archiviazione sicura: Cloud Storage o NAS?

Archiviazione sicura: Cloud Storage o NAS

Sempre più spesso abbiamo bisogno di salvare copia dei documenti presenti sul nostro PC per metterci al sicuro nel caso di un’eventuale perdita dei dati originali, oppure di dover accedere a file in qualunque luogo e momento. Oltre ad utilizzare un hard-disk esterno, possiamo avvalerci anche di altri due sistemi di archiviazione sicura: il cloud e il NAS.

L’archiviazione sicura online con cloud

Con cloud si intende la possibilità di archiviare dati in uno spazio virtuale in internet, mentre il NAS (Network-Attached Storage) è un contenitore di hard-disk esterno al PC, anch’esso accessibile da internet, ma collegato alla nostra LAN. Tra i vari servizi di cluod i più famosi ci sono sicuramente iCloud, Dropbox, Google Drive, tutti servizi simili che si differenziano in base allo spazio gratuito offerto, al client utilizzato su PC o Smartphone/Tablet, agli standard di sicurezza, privacy e, ovviamente, ai costi. Quindi sceglieremo il servizio online che meglio si adatta alle nostre necessità.

Immagine: succo / Pixabay

L’archiviazione sicura casalinga con il NAS

In alternativa, se non vogliamo affidarci ad un servizio “esterno”, possiamo sempre archiviare i nostri file su NAS. Come già detto il NAS è un contenitore di hard-disk esterno al PC al quale possiamo abbinare un indirizzo IP in modo da poter accedere anche da remoto, ottenendo così un nostro cloud personale. I vantaggi del NAS rispetto al cloud sono molti: più controllo sui servizi che vogliamo attivare, decidiamo noi lo spazio che vogliamo utilizzare in base alle dimensioni degli hard-disk che monteremo, velocità di upload più elevate quando trasferiamo file dal nostro PC di casa e tecnologia RAID (prevede l’uso di più hard-disk per una gestione sicura dei dati su vari livelli).

Una valida scelta, con ottimo rapporto qualità prezzo, è il NAS Synology DiskStation DS214SE.

41Q4Bl46qHL 51HaKVQ5acL._SL1024_ 611BNAnhN8L._SL1024_

Specifiche tecniche del NAS Synology DiskStation DS214SE

In breve questo NAS possiede: CPU MARVELL Armada 370 88F6707 da 800 MH, memoria di sistema da 256 MB DDR, 2 vani unità di archiviazione 2.5” e 3.5” SATA II e SATA III da 12 TB (6 TB HDD X 2 variabili a seconda del RAID utilizzato), 2 porta USB 2.0, una porta LAN RJ-45 1GbE.

Il prodotto è certificato DLNA quindi può trasmettere musica, film, immagini e altri file a dispositivi anch’essi compatibili. La prima installazione è molto semplice grazie ad EZ-Internet di Synology, che rende più intuitivo il processo di impostazione dell’accesso alla DS214SE da internet, impostazioni di rete, firewall e tutto il resto.

Come per il cloud anche con il NAS possiamo condividere i nostri file, inviando un collegamento a un amico o ad un collega di lavoro, in tutta sicurezza con protocollo HTTPS, crittografia SSL/TSL e la data di scadenza dei collegamenti, il tutto tramite sistema operativo Synology DiskStation Manager (DSM) se ci troviamo in ambiente desktop, oppure grazie alle app DS video e DS file (compatibili con Android, iOS e Windows Phone) che ci permettono di interagire anche da remoto sui file presenti nella DiskStation.

Prezzo € 150 ca.

Commenta su Facebook


One thought on “Archiviazione sicura: Cloud Storage o NAS?

  1. mi permetto un commento, che spero costruttivo.
    Da informatico sono due entità diversissime, il cloud è garantito da terzi, con policy e security imposte.
    Una soluzione in casa ci impone di gestire il firewall e i dischi.
    Anche col miglior RAID se si rompe rischiamo tutto (specie se si rompe un disco e non ce ne accorgiamo) e ci serve sempre un backup

    riporto da wikipedia Generalmente i NAS sono dei computer attrezzati con il necessario per poter comunicare via rete. Si tratta di dispositivi dotati solitamente di un sistema operativo basato su Linux (generalmente trasparente all’utente) e di diversi hard disk destinati all’immagazzinamento dei dati. Tale architettura ha il vantaggio di rendere disponibili i file contemporaneamente su diverse piattaforme, come ad esempio Linux, Windows e Unix (o Mac OS X), dove il sistema operativo implementa i server di rete con gli standard più diffusi tra i quali ad esempio FTP, Network File System (NFS), Samba per le reti Windows e AFP per le reti Mac OS X.

    Questi dispositivi non vanno scambiati con gli Storage Area Network (SAN); questi ultimi sono soluzioni di immagazzinamento dati (storage) ben differenti: tali sistemi comprendono una rete e fanno riferimento a tecnologie e protocolli spesso proprietari. Talvolta un sistema NAS può essere utilizzato come nodo di una SAN, data la scalabilità di tale architettura.

    anche soluzioni miste sono possibili

    quella che vedo meglio io?
    rete alta velocità
    dati in cloud (sicurissimi e con banda ottimale)
    copia in HD esterni da collegare ad hoc (cintura + bretelle)
    copia in DVD dei dati critici (mutande di lamiera)
    se psicopatici copia anche in chiavette messe a casa di amici/parenti (disaster recovery)

    cosa faccio io?
    google drive e dischi esterni scollegati (dite che entri un virus se è capace)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *