È la lavapiatti mobile la soluzione green e chic per feste e sagre

È la lavapiatti mobile la soluzione green e chic per feste e sagre
Foto: parcoappeninolucano.it

 

Un successo anche mediatico la scorsa estate per una soluzione che pur non avendo nulla di geniale o altamente tecnologico, possiede una caratteristica davvero importante per essere un’idea vincente: l’intuizione. Stiamo parlando della lavapiatti mobile, tre lavastoviglie industriali montate su un rimorchio furgonato, realizzato da Legambiente Basilicata per ridurre la produzione dei rifiuti durante eventi, sagre e manifestazioni di vario genere in cui siano necessari piatti, bicchieri e posate.

La lavapiatti mobile mostra nuovi modelli di consumo

Sebbene per anni si sia discusso se fosse meno inquinante usare la lavastoviglie, con i connessi consumi energetici, o usare piatti e bicchieri in plastica, con gli attuali elettrodomestici il dubbio non si pone più, quindi ecco arrivare un modello ecosostenibile applicabile anche a tutte quelle manifestazioni che per loro natura necessitano dell’uso di una grande mole di stoviglie.

In tanti eventi si fa ormai uso di piatti e bicchieri organici, completamente biodegradabili, che comunque vanno conferiti nei giusti contenitori, creando un ingombro di rifiuti non indifferente, oltre ad avere un costo piuttosto alto, che inevitabilmente si riversa su biglietti di ingresso e consumazioni della stessa manifestazione.

Foto: corriere.sociale.it
Foto: corriere.sociale.it

 

Da qui l’idea davvero green di Legambiente, che permette, tra le altre cose, di proporre a tutti i partecipanti un modello di consumo ecocompatibile: “Basta comprare tonnellate di piatti e bicchieri in plastica, torniamo ad usare il servizio di ceramica della nonna”.

Perché fa bene all’ambiente, perché fa chic il tuo evento

E c’è una nota aggiuntiva che dà valore a questa iniziativa, che speriamo non resti un caso isolato: non vi sembra molto più chic poter degustare polpette, sagne torte e porchetta in bei piatti bianchi (di melammina e policarbonato in questo caso), piuttosto che in scomode ciotole destinate a rompersi nella foga della nostra forchetta?

Nata in collaborazione con il Parco dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese e la partnership tecnica di Electrolux Professional,  nell’ambito del progetto “Centro per la sostenibilità” sostenuto da Fondazione CON IL SUD, attraverso il Bando Ambiente “Verso Rifiuti Zero”, la speranza è che questa iniziativa per ora isolata diventi modello diffuso lungo tutto lo stivale. Terra di santi, poeti e navigatori, sì, ma anche di feste, sagre ed eventi enogastronomici.

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *