Humans, like you: a Milano la street art di The Big Now per Emergency

In Piazza Duomo, nella mattinata di sabato 15 luglio, coinvolti in contemporanea  otto artisti di strada per sensibilizzare e tenere viva l’attenzione sul tema migranti. Si tratta di Humans, Like You, l’iniziativa di street art solidale dell’agenzia di comunicazione The Big Now in favore di Emergency per sensibilizzare e mantenere viva l’attenzione sul tema migranti.

The Big Now

LEGGI ANCHE: Li chiamiamo migranti, ma se fossimo noi al loro posto?

Humans, like you: l’iniziativa di The Big Now a favore di Emergency

Sono esseri umani, come te.  È il messaggio alla base dell’iniziativa di sensibilizzazione – dal titolo HUMANS, LIKE YOU – che si è svolta nella mattinata di sabato 15 luglio a Milano, nel perimetro intorno a Piazza Duomo, con l’obiettivo di tenere alta l’attenzione sul complesso e delicato *tema dei migranti*.

Ideata e organizzata dall’agenzia di comunicazione The Big Now in favore di Emergency, la ong fondata da Gino Strada da sempre in prima linea a livello internazionale nella difesa dei diritti umani e a promuovere una cultura di pace, l’iniziativa solidale ha visto protagonisti 8 artisti di strada che hanno prestato la loro arte e manualità per realizzare differenti performance e opere artistiche legate al tema dell’immigrazione.

The Big Now

Per due ore circa, dalle 11 alle 13, in maniera inaspettata la centralissima Piazza Duomo ha offerto ai numerosi passanti del weekend milanese un vero e proprio percorso di “street art” culturale e solidale che in 8 differenti postazioni ha coinvolto in contemporanea un madonnaro, un attore, un ritrattista, un cantante, un mago, un uomo-statua, un ballerino e un mimo.

HUMANS, LIKE YOU nasce dalla consapevolezza che le storie, i drammi di ogni singolo uomo, sono in realtà le storie dell’intera umanità. – commenta Stefano Morelli, direttore creativo esecutivo dell’agenzia The Big Now – Quello che accade su coste più o meno lontane raggiunge e tocca anche le nostre vite, la nostra coscienza. Abbiamo scelto una piazza, quella del Duomo di Milano, simbolo di una città frenetica e apparentemente distante da questi drammi e chi, ogni giorno, mette in scena uno spettacolo. Gli artisti di strada hanno interpretato le storie, i drammi e le vite di chi è fuga, creando un cortocircuito culturale e portando in piazza una realtà da cui, questa volta, non possiamo distogliere lo sguardo”.

 

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *