Novità Tesla: parte la produzione di Model 3

Elon Musk brucia le tappe: arriva in anticipo la novità Tesla Model 3 (che era stata preannunciata inizialmente per il 2018), l’auto che nei piani del innovatore australiano è stata pensata come l’elettrica per tutti e che sarebbe in grado di sconvolgere il mercato automotive.

Surclassando, a questo punto, le concorrenti BMW Serie 3 e Mercedes Classe C.

il boom delle prevendite, ben 232 mila in sole 24 ore, fa ben sperare. Oltre che far alzare la quotazione di Tesla in Borsa, naturalmente.

 

Novità Tesla Model 3
Photo credit: Testa Motors

Dopo aver superato con due settimane di anticipo i requisiti necessari per la produzione, il 7 luglio è partita la produzione di serie della Model 3, la berlina a emissioni zero, indicata come il prodotto entry-level della casa automobilistica.

Novità Tesla: una vera rivoluzione nell’automotive

 È previsto invece per Il 28 luglio un evento per la consegna ai primi 30 clienti, che dovrebbero essere alcuni dipendenti di Tesla. In questa occasione saranno presentati finalmente i dati ufficiali riguardo design, caratteristiche e prezzo della Model S, visto che Musk centellina con dovizia le informazioni e che quello che sappiamo finora sono informazioni parziali e rumors in Rete.

La produzione della Tesla Model 3

Questi dovrebbero essere gli ambiziosi numeri della produzione nei prossimi mesi: a dicembre di questo anno la produzione sarebbe di 20mila auto al mese, per poi arrivare a 500 mila auto prodotte per anno nel 2018.

Le prenotazioni sono al momento sono circa 400mila, se tu vuoi prenotare adesso, pagando alla prenotazione 1000 €, la consegna è indicata genericamente con metà 2018.

Si comincia quindi a consegnare in California, dove le prenotazioni sono 10mila sui 400mila già indicati.

LEGGI ANCHE: Perché Elon Musk ha paura della AI di Google

Le novità Tesla Model 3

Con prestazioni inferiori rispetto alle Model S e Model Z, i modelli di fascia alta, quello che sappiamo al momento è che viene garantita un’autonomia di 345 km, riferita al modello base, grazie a batterie da 75 kWh prodotte da Gigafactory, la fabbrica in Nevada di proprietà sempre di Musk e costata 5 miiiardi di dollari.

Tra l’altro per avere un prezzo abbordabile, la Model 3 rinuncia a gran parte degli accessori dei modelli superiori e, per arrivare il più presto possibile sul mercato, in un primo momento non sarà possibile personalizzarla, se non scegliendo il colore della carrozzeria, e tipologia  dei cerchi.

Le altre novità della Tesla Model 3:

  • Meno di 6 secondi da zero a 100 km/h, con la sola trazione posteriore;
  • Spazio per 5 Adulti;
  • Schermo touch da 15″ per il quadro strumenti e per l’infotainment;
  • Progettata per ottenere una valutazione di sicurezza a 5 stelle;
  • Pilota automatico; “Tutti i veicoli Tesla prodotti nella nostra fabbrica, compresa Model 3, hanno la dotazione hardware necessaria per la guida autonoma con un livello di sicurezza sostanzialmente maggiore di quello di un conducente umano.” Dichiara il sito di Tesla.
  • Supercharger;  In Italia, bada bene, le stazioni di rifornimento sono installate soprattutto nel Nord Italia, come puoi vedere in questa mappa, e dove sono indicati anche gli Store e i Centri assistenza presenti nel nostro paese.

 

E veniamo al prezzo: quello di lancio dichiarato durante la presentazione della novità Tesla è di 35 mila dollari ma… Bisogna tenere presente che durante questi eventi, quando si dichiara un prezzo,  questo non è gravato da nessun tipo di tassazione e questo vale sia per gli Stati Uniti, dove ogni stato membro ha la sua tassazione, che naturalmente per il resto del mondo.

In Italia bisogna aggiungere il 22% di IVA, il costo di trasporto (attualmente esiste solo una fabbrica Tesla, a Fremont – California)  e i dazi previsti.

LEGGI ANCHE: Powerwall la nuova batteria elettrica di Elon Musk

In Italia in Rete qualcuno ha provato a fare quattro conti, arrivando a ipotizzare una cifra più realistica di 45 mila euro. E parliamo solo del modello base.

Altre info per Tesla Model 3 qui.

Fonti: Tesla.it, Il Fatto Quotidiano, Il Post, Automoto

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *