Portami al mare: l’alternativa a un’estate di tormentoni poco memorabili

Portami al mare è il primo singolo del nuovo album, in uscita in autunno, di Montone.

Un riff di chitarre campionate, drum machine anni ’80 e melodie catchy accompagnano per le strade calde e assolate d’agosto il disorientamento di un uomo-pesce, che improvvisamente si ritrova sperduto in una città che non sente più sua.

Un viaggio visionario, on the road, da Roma ad Ostia a bordo di una vecchia Fiat 500, in cerca del mare, di quella dimensione primordiale che il ritmo incalzante della quotidianità ha allontanato inesorabilmente dalle nostre vite. Fino ad arrivare al ricongiungimento finale, che però non ha più la forza del legame indissolubile di un tempo.

Portami al mare: l'alternativa a un'estate di tormentoni poco memorabili

Chi è Montone, l’autore di Portami al mare

Montone vive a Roma. Inizia a scrivere canzoni all’età quattro anni nella vasca da bagno della sua casa in Calabria. A cinque, inizia a suonare la chitarra e da allora fonda, scioglie e collabora con decine di band.

Incide un disco in inglese come membro del gruppo wave rock Party in a Forest nel 2014.

Portami al mare è il primo singolo del suo nuovo album in uscita in autunno.

Con questo singolo, in un passaggio dall’ambiente metropolitano alla spiaggia, Montone ci trascina direttamente nel mood estivo, per ricordarci che i tormentoni estivi, quest’anno, potrebbero non essere solo Rovazzi e Fedez.

Segui Montone e il suo progetto solista anche su Facebook e non perdere l’occasione di farci sapere cosa ne pensi di questo tormentone estivo anche sulla nostra pagina!

LEGGI ANCHE: Tormentone estivo, i successi e le hit degli ultimi 25 anni

LEGGI ANCHE: Mind if i stay, arriva dalla svizzera l’indie pop dei Kadebostany che spopola in radio

LEGGI ANCHE: Greta, il singolo di debutto degli Up per un’estate tra pop e rock

LEGGI ANCHE: Musica italiana: parte da Milano la Jugoslavia dei Coma_Cose

LEGGI ANCHE: Eventi estivi in Puglia: il Gargano suona a ritmo Folk

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *