Rapper italiani: la protesta turca di Elif Nursad nel rap di Tenko e Scriba

Un volto di donna con il capo coperto da un velo nero. Un volto affascinante e determinato, con lo sguardo fiero e diretto di chi porta avanti una rivoluzione. Si apre così il nuovo video di Tenko e Scriba, i due rapper baresi che cercano di veicolare messaggi attraverso la loro musica.

La protesta turca di Elif Nursad nel rap di Tenko e Scriba

E il volto è quello di Elif Nursad, fumettista, pittrice e writer, definita dal New York Times come

una tra i più rappresentativi artisti di protesta turca.

Non a caso la collaborazione con i due fratelli baresi, nata dalla consapevolezza che “l’arte ha il potere di veicolare messaggi, diffondere ideali, sprigionare passione. In qualsiasi forma essa venga espressa”.

Nasce così anche il brano Parte tutto quanto, realizzato sulla strumentale di Dangerous di Cormega ft. Vybz Kartel e Unda P, prodotta da Ill Will Fulton & J. Waxx Garfield.

La protesta turca di Elif Nursad nel rap di Tenko e Scriba

Elif Nursad collabora con uno dei fumetti più letti in Turchia,  il mensile femminista Bayan Yani. Distribuito in circa 50 mila copie, mostra un numero considerevole di lettori per un Paese in cui l’editoria soffre notevolmente, e i fumetti di Elif e i suoi murales, in giro per Istanbul, sono ispirazione per tante donne turche.

In una Turchia da un lato sempre più chiusa in se stessa a causa della politica di Erdogan, ma che sempre di più cerca di aprirsi al mondo attraverso l’arte, con eventi come la Biennale di arte e la Biennale di design di Istanbul, la forza espressiva di Elif Nursad, che per di più è una donna, risuona già come un ritmo di protesta.

La protesta turca di Elif Nursad nel rap di Tenko e Scriba (4)
L’incontro con Tenko e Scriba nasce dal confronto: da una parte i due rapper baresi

impugnano la propria penna per non perdere l’orientamento,

come canta il testo di Parte tutto quanto, dall’altra la pittrice di Istanbul usa matita, colori, fogli e tele, per rivendicare i diritti delle donne in Turchia e nel mondo, denunciare i soprusi delle guerre, sottolineare l’importanza di un sistema democratico che dia voce a tutti, indistintamente.

LEGGI ANCHE: Intervista ai rapper baresi Tenko e Scriba

Il video, girato dal regista turco Orcun Behram (che ha curato anche l’editing con Tolga Demirci), ci porta tra le vie di Istanbul, dove vite e storie si incontrano sprigionando la loro energia.

La protesta turca di Elif Nursad nel rap di Tenko e Scriba

Lanciato lo scorso 10 dicembre su Youtube, il brano sarà contenuto nel mixtape di Tenko e Scriba Hardcorebaleni, in uscita nel 2015. Dopo il disco d’esordio Emicrania e il singolo Va, i due rapper continuano a rivendicare il loro ruolo di artisti impegnati anche con questa collaborazione, sottolineando “l’importanza di ricondurre l’arte alla propria forma primordiale: quella comunicativa, narratrice della realtà e veicolatrice di messaggi”.

 

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *