Registrare una startup in Italia in un’ora? Si può, la prima è a Padova

Registrare una startup
registrare una Startup
Registrare una Startup in poco tempo e senza notaio StartupStockPhotos / Pixabay

Registrare una startup innovativa in poco tempo e senza l’aiuto di un notaio non è solo possibile, è anche perfettamente fattibile.

60 minuti tondi (conferenza stampa compresa) per registrare presso la Camera di Commercio di Padova la prima startup innovativa senza notaio, la Experenti Engineering, pioniera in Italia dello sviluppo di progetti legati alla realtà aumentata.

Costituire una startup online

La procedura online di registrazione avviene su una piattaforma dedicata, realizzata da InfoCamere e Unioncamere ed è lo strumento attraverso il quale si dà attuazione al decreto direttoriale del Ministero dello Sviluppo Economico del primo luglio 2016, che prevedeva una accelerazione delle procedure in relazione ai tempi velocissimi del web.

Stamattina abbiamo stabilito un piccolo primato: abbiamo costituito per primi in Italia una srl senza notaio.

Ci siamo riusciti in quanto la neo nata EXPERENTI ENGINEERING S.R.L è startup innovativa. Siamo entrati in Camera di Commercio con le nostre firme digitali e ne siamo usciti dopo un’ora con le email ufficiali di conferma di avvio dell’attività.

Si, avete capito bene: in 1 ora – compresa la conferenza stampa – abbiamo avviato e attivato completamente una nuova srl pagando solo l’F24 degli oneri dell’iscrizione al registro delle imprese (328€).

Barbara Bonaventura – CMO Direzione Marketing Experenti

Barbara Bonaventura, CMO di Experenti, spiega tutta la procedura per la registrazione della startup in un’eloquente e utile nota pubblicata su Facebook a questo indirizzo.

Semplificazione burocratica e internet veloce. creare una startup online

Con quali tempi, mediamente, rispondi alle tue mail?

Se la tua risposta tarda più di 12 ore, non puoi fare a meno di considerarti terribilmente in ritardo.

Questo anche perché le nuove tecnologie hanno prodotto una compressione dei tempi di informazione: a domanda, pretendiamo risposta in modo rapido, efficace, puntuale.

Registrare una startup
jarmoluk / Pixabay

A tutto tondo, altrimenti sarebbe difficile spiegare il successo di piattaforme dedicate ai contenuti on-demand come Netflix.

Quando un progetto innovativo, che da dinamismo e scalabilità trae forza, si scontra con le fitte maglie della burocrazia e del documento in triplice copia, rischia di perdere un vantaggio essenziale sui competitor, soprattutto misurando la concorrenza, se non a livello globale, almeno su scala europea.

Il Doing Business in Italia è costoso.

In più, quando il budget passa in secondo piano rispetto alla solidità delle competenze del team e a un business plan vincente, il vincolo della vidimazione notarile risulta un ostacolo non da poco, costoso e fondamentalmente inutile.

Registrazione delle startup online: la protesta dei notai

Un pizzico di storia: la nostra Costituzione è oggi oggetto di revisione da parte del Governo.

Entrata in vigore nel 1948, a seguito di un controverso referendum popolare, incarnava lo spirito di tutti i movimenti antifascisti e democratici.

Registrare una startup
Registrare una startup – WolfBlur / Pixabay

Ma chi ha scritto la costituzione, era un conservatore o un innovatore?

Innegabile, esplosiva, tardiva innovazione: il suffragio universale, il voto delle donne!

La Costituzione fu firmata dal presidente della Repubblica Enrico De Nicola e controfirmata dal presidente del Consiglio Alcide De Gasperi e dal presidente dell’Assemblea Costituente, Umberto Terracini.

Il documento era stato redatto da una commissione di 75 saggi e sottoposta all’Assemblea Costituente.

Da chi era composto questo consiglio dei saggi?

Magistrati, accademici, giuristi di fama, militari, filo-clericali, sindacalisti, latifondisti.

In breve, i costituenti furono quasi tutti appartenenti a caste o ordini professionali privilegiati che, con le disposizioni in essere, intendevano innovare in democrazia ma anche conservare, garantendo i diritti acquisiti fondati sugli scambi clientelari anche alle future (proprie) generazioni.

Diremmo oggi: lobbisti.

Registrare una startup
Registrare una startup – jerrykimbrell10 / Pixabay

Registrare una startup innovativa online: la protesta dei notai

I notai rispondono no alla semplificazione normativa che permette alle startup di registrarsi presso le camere di commercio utilizzando la firma digitale.

I notai hanno fatto ricorso al TAR del Lazio contro il MISE e una risposta si attende entro il 30 agosto.

Quali sono i motivi della protesta?

Non si tratta di motivi economici: i notai non temono affatto di perdere i numerosi introiti derivanti dalla costituzione delle nuove imprese.

Sono seriamente preoccupati per i rischi derivanti dalla registrazione di imprese non sottoposte a controlli preventivi e per il relativo rischio di furto di identità digitale.

Se Steve Jobs fosse nato a Napoli: Stefano Lavori

Per un po’ ha fatto il giro del web e ogni tanto spunta fuori, questo articolo di Antonio Menna, Se Steve fosse nato in provincia di Napoli.

Registrare una startup
FirmBee / Pixabay

Fa ridere, è ironico: anche quando Stefano Lavori e Stefano Vozzini danno via lo scooter per pagare una bolletta e devono “apparare” Vigili e Finanza perché il garage non è a norma.

I due ragazzi si guardano e decidono di chiudere il loro sogno nel cassetto. Diventano garagisti.

Forse dal 1° luglio qualcosa è cambiato, anche in Italia.

Commenta su Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *