Tata Giacobetti, storia e componenti del celebre Quartetto Cetra

tata giacobetti quartetto cetra
Tata Giacobetti – Quartetto Cetra

 

Il 2 Dicembre di ventisei anni fa si spegneva Tata Giacobetti, uno dei componenti del gruppo Quartetto Cetra.

Autodidatta, Giovanni Giacobetti fu cantante, contrabbassista, paroliere e anche attore.

Nel 1940 fondò il Quartetto Cetra del quale fu il paroliere  ed autore dei testi musicati con Virgilio Savona, un altro componente del gruppo.

LEGGI ANCHE: Musica: cresce il valore di dischi in vinile e musicassette vintage

Quartetto Cetra: anticipatori di mode

Caratterizzati da notevoli capacità vocali e da una stravaganza intelligente, il gruppo Quartetto Cetra si imposta sulla scena musicale italiana a partire dagli anni ’40 con testi umoristici, mai banali, eseguiti e interpretati con gusto.

Le armonizzazioni fanno da cornice al quadro musicale di alta qualità e al connubio “canzone-spettacolo“.

Con uno stile inizialmente improntato sul jazz  e swing  e poi sfociato nella rappresentazione della canzone a mo’ di scenetta teatrale, il gruppo vocale si fece promotore e anticipatore di mode soprattutto grazie a Tata Giacobetti che, con il brano da lui scritto “L’orologio matto” dando al pubblico una versione rock and roll tutta italiana di “Rock Around the Clock“.
 

 

Come nasce il quartetto

Nato come gruppo al maschile col nome di Quartetto Egie, il gruppo era formato da Enrico De Angelis, Giovanni Giacobetti, Iacopo Jacomelli ed Enrico Gentile. Dopo subentrò, al posto di Jacomelli, il pianista Antonio Virgilio Savona e il gruppo prese il nome di Quartetto Cetra per il numero delle corde dello strumento, quattro appunto.

Poi, nel 1947, la sostituzione di Enrico Gentile con Lucia Mannuccicon la quale si arriva alla formazione definitiva di un gruppo che riscontrerà un enorme successo, restando attivo fino al 1988, anno in cui viene a mancare  il “paroliere” Giacobetti.

Tata Giacobetti e il quartetto Cetra: profumo di umiltà

Forse si è perso un po’ il senso dell’umiltà nella musica? Sicuramente tutto va contestualizzato e decontestualizzato volta per volta, per creare paragoni e differenze.

tata-giacobetti-quartetto-cetra

Certo è che i brani del Quartetto Cetra hanno un profumo di umiltà e di contestazione al tempo stesso; da “Arriva il direttore“, dal sottile tono polemico, a “Il cammello e il dromedario“, caratterizzata dall’ironica differenza sociale tra ricco e povero, il Quartetto Cetra dà dimostrazione di padronanza della scena sia musicale che teatrale, senza mai sfociare nell’ostentazione, nemica del successo.

La combinazione di umiltà, qualità e, perché no, sicuramente simpatia, li ha portati all’apice del successo, dagli anni ’40 fino al 1988, anno in cui si spense Tata Giacobetti e, di conseguenza, si fermò anche il gruppo.
 

 

Credits foto: commons.wikimedia.org/

Commenta su Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *