Vita digitale e vita reale: vincono le emozioni

Vita digitale e vita reale: vincono le emozioni

La tecnologia ci piega o ci aiuta? Viviamo ancora una vita reale, fuori dalla vita digitale? Mi ritrovo a chiedermelo sempre più spesso dopo che, finalmente uscito di casa al termine di una settimana di lavoro intensissima, ho incontrato un gruppo di ragazzi, cinque in tutto, seduti sulle scale di una banca, per strada. Una scena normalissima, da “ragazzi del muretto” per fare un paragone che forse solo i miei coetanei capiranno.

Ma lo strano non era in questo, dato che i ragazzi davano tutta l’impressione di essere un gruppo uscito insieme per la serata, seduti vicini, vicini con confidenza. Lo sguardo basso, rivolto al solito schermo illuminato da smartphone.

E chissà forse chattavano tra loro su Whatsapp, anziché parlarsi direttamente, guardandosi negli occhi.

Homo technologicus e vita digitale

Vita digitale e vita reale: vincono le emozioni

Anche Wind, ad un anno da Papà, torna ad esplorare proprio questo strano rapporto tra uomo e tecnologia e si domanda se ci siano davvero avventure che possono essere vissute attraverso la tecnologia o se, invece, sia ancora la vita vera ad offrire le esperienze più complete.

Il nuovo piccolo pezzo di cinema di Wind, realizzato con la collaborazione di Ogilvy & Mather Advertising, rivolge un invito al pubblico. [inlinetweet prefix=”#tecnologia #vita” tweeter=”” suffix=””]“State più vicini”, ma non solo spalla a spalla[/inlinetweet] come i ragazzi di cui vi raccontavo.

Stare più vicini significa vivere emozioni vere. Solo così vita reale e virtuale si uniscono e la tecnologia diventa amica e aiuta a vivere meglio.

Anche la tecnologia può essere umana

Vita digitale e vita reale: vincono le emozioni

Il protagonista del nuovo film di Wind e Ogilvy è un ragazzino sui dodici anni che deve scegliere fra trascorrere un pomeriggio a giocare davanti allo schermo di un device o giocare davvero con i suoi amici del cuore.

Indovinate cosa sceglierà, o semplicemente guardate questo mini-film. Vi commuoverà!

Con l’inizio della scuola si fa sentire ancora una volta, forte, il tema del rapporto tra nativi digitali e tecnologia. I ragazzi rischiano di dimenticare che fuori dai device il mondo reale continua a esistere, per questo Wind fa un passo indietro e invita nuovamente a[inlinetweet prefix=”#tecnologia” tweeter=”” suffix=””] usare la tecnologia con intelligenza e buon senso[/inlinetweet].

Giuseppe Capotondi, che ha firmato anche questo secondo corto di Wind, ha creato un film pieno di gioia di vivere, energia, divertimento ed emozioni.

E anche la musica ha il suo perché, dato che Rocket Man di Elton John è una colonna sonora da brividi.

Solo ora, tieni gli occhi puntati sullo schermo e concediti questi pochi minuti di emozione digitale. Poi metti via lo smartphone e bacia tua moglie e i tuoi figli…

 

Commenta su Facebook


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *