Huawei si accorda con TomTom per creare un’alternativa a Google Maps

La società olandese di navigazione e mappatura digitale TomTom ha dichiarato venerdì di aver concluso un accordo con la cinese Huawei Technologies per l’uso delle sue mappe e servizi nelle app per smartphone.

Huawei phone

Huawei lavora all’alternativa a Google Maps

Huawei è stato costretto a sviluppare il proprio sistema operativo per smartphone, dopo essere stato effettivamente inserito nella lista nera dall’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, lo scorso anno, per motivi di sicurezza nazionale.

LEGGI ANCHE: Instagram rimuove il pulsante IGTV (che non usava quasi nessuno)

L’operazione ha impedito ad Huawei di utilizzare il sistema operativo Android ufficiale di Google, insieme ad app ampiamente utilizzate come Google Maps, nei nuovi telefoni.

Cosa cambia con TomTom

L’accordo con TomTom significa che Huawei può ora utilizzare le mappe della società olandese, le informazioni sul traffico e il software di navigazione per sviluppare app per i suoi smartphone.

Huawei HQ

Il portavoce di TomTom, Remco Meerstra, ha dichiarato che l’accordo era stato chiuso qualche tempo fa, ma non era stato reso pubblico dalla società.

LEGGI ANCHE: La nuova AI di Google è in grado di comprendere interi libri

Meerstra ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli sull’accordo.

TomTom, che si sta allontanando dalla vendita di dispositivi per offrire servizi software, l’anno scorso ha venduto la divisione telematica a Bridgestone, per concentrarsi sulle sue attività legate alle mappe digitali.

___

Puoi leggere l’articolo completo qui.

 

Fabio Casciabanca

Chi siamo Fabio Casciabanca

Classe 1980, il che mi fa steampunk di nascita. Ho pubblicato la mia prima intervista nel 1992 sul Corriere del Giorno: avevo 12 anni e intervistare un venditore abusivo di sigarette è stata una vera impresa. Fino al 2018 ho fatto altre cose, ma cercatele voi: oggi sono Managing Editor di Ninja.it, la più importante rivista di settore in Italia sul marketing. La mia impronta verde: sono presidente dell'Associazione Missione Girasole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *