😱 Arriva dal giappone Shouting Jar per urlare dovunque senza disturbare

Leggenda vuole che i giapponesi, sul posto di lavoro, siano costretti a subire angherie di ogni tipo. Le subirebbero, in particolare, i membri junior del team: orari massacranti, riunioni e presentazioni inutili e cose di questo tipo.

LEGGI ANCHE: 📺 Le sigle dei cartoni animati giapponesi che sicuramente ricordi a memoria

Pare che nessuno esprima il minimo dissenso e questo stupisce molto il mondo occidentale abituato a una cultura del lavoro che impone il massimo rispetto tra le parti ma, certamente, non la riverenza.

Sarà vero? Intanto nessuno urla per rabbia negli uffici giapponesi o, almeno, nessuno li sente.

LEGGI ANCHE: ✈️ 5 buone ragioni per visitare Miami e scoprire un meraviglioso angolo di America

Con il Sakeboard Anger Management Shouting Jar puoi urlare in faccia a tutti, dovunque

Il Sakeboard Anger Management Shouting Jar, creato appositamente per gridarci dentro è stato un successo sul mercato globale. Il prodotto, semplice ma ingegnoso “contiene la rabbia” attenuando il suono e soffocando le urla. Rabbia scomparsa (almeno per chi ti sta intorno): è un oggetto simile a una forma simile a una brocca ma ora ha un rivestimento in stile lavagna che consente di scrivere un messaggio sul suono/vaso assorbente. Ora, in pratica, puoi abbinare le tue urla e le tue grida all’oggetto della tua rabbia per ottenere quel tocco in più di sollievo dallo stress. Il nome del tuo capo? Un ex-ragazzo? Qualcuno che odi a scuola?

LEGGI ANCHE: 🎶 10 canzoni da ascoltare in viaggio, la playlist musicale on the road

Finalmente un gadget che migliorerà la vita delle persone, soprattutto in ufficio! Ma anche le case e gli appartamenti dei giapponesi sono notoriamente piccole e con pareti sottili, quindi vicini e coinquilini non potranno che apprezzare l’utilità silenziatrice di questo strumento. Puoi acquistarlo sul sito ufficiale.

LEGGI ANCHE: Cosa ordinare al giapponese: consigli base sul sushi

Fabio Casciabanca

Fabio Casciabanca

Classe 1980, il che mi fa steampunk di nascita. Ho pubblicato la mia prima intervista nel 1992 sul Corriere del Giorno: avevo 12 anni e intervistare un venditore abusivo di sigarette è stata una vera impresa. Fino al 2017 ho fatto altre cose, ma cercatele voi: oggi sono orgogliosamente Editor della sezione Business di Ninja Marketing: scrivo storie di startup di successo e PMI, di nuovi lavori e risorse umane. La mia impronta verde: sono presidente dell'Associazione Missione Girasole. buzzoole code

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *