Torna Sotterranei a Sherwood per la quarta edizione con Vanarin e Jessethefaccio

Nel 2014 la prima edizione con Heymoonshaker, Elephant e Blue Shoe Strings, nel 2015 la seconda con i live di Pietro Berselli e Ulisse Schiavo, nel 2016 Vertical e Sakee Sed, nel 2018 il ritorno sul Second Stage di Sherwood Festival con Vanarin e Jessethefaccio.

Ritornano nella foresta di Sherwood i Sotterranei

Ritornano nella foresta di Sherwood i Sotterranei, con un festival-nel-festival che vedrà in scena, mercoledì 13 giugno 2018, due progetti italiani, già legati per alcuni aspetti alla città di Padova.

sherwood vanarin

I Vanarin nascono a Bergamo nel 2016, dall’incontro fra il cantautore inglese David Paysden (voce, chitarra, tastiere), Marco Sciacqua (chitarra, basso, percussioni, seconde voci), Giuseppe Chiara (turnista dei Verdena, già in concerto a Sherwood, voce, chitarra, tastiere), Massimo Mantovani (voce, basso, chitarra) e Marco Brena (batteria, percussioni).

Il sound della band è caratterizzato dalla ricerca e la continua contaminazione per quanto riguarda gli arrangiamenti (si passa dal beat e la psichedelia fino all’elettronica, la trap e l’hip hop), ma il tutto confluisce in un prodotto finale di stampo pop, con particolare cura delle melodie.

LEGGI ANCHE: “Ora che Fischia il Vento” il singolo che lancia l’album TERRAMADRE

La band ha all’attivo un Ep omonimo autoprodotto di 5 brani, pubblicato il 6 Gennaio 2017, a cui è seguito un tour di circa 50 concerti (tra i più importanti si ricordano le aperture a Thurston Moore, Fast Animals and Slow Kids, Pan del Diavolo e C+C Maxigross). Mentre nella primavera 2018, grazie alla collaborazione con Roberta Sammarelli nel ruolo di manager, è uscito il secondo lavoro: “Overnight”, un album di 10 brani, per l’etichetta Woodworm. Già ospiti dei Sotterranei a Sub Cult Fest 2017, i Vanarin sono pronti per il Second Stage di Sherwood Festival. 

LEGGI ANCHE: Salento All Stars: Michele Riondino e Mama Marias con il singolo “Qui non passa”

Jessethefaccio è un progetto solista che mischia sonorità lo-fi di stampo nord-americano con il cantautorato italiano. Intimo e semplice, malinconico ma vivace. Il progetto, padovano e totalmente inedito, presenta a Sherwood Festival in anteprima (con full band) il suo lavoro di prossima uscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *