Toyota investe 400 milioni sulla startup di guida autonoma Pony.ai

Pony.ai, una startup per la guida autonoma con sede in Silicon Valley e Guangzhou, in Cina, sta approfondendo i suoi legami con Toyota.

Le due società hanno annunciato un programma pilota per testare auto a guida autonoma su strade pubbliche in due città cinesi, Pechino e Shanghai. Il colosso automobilistico giapponese prevede di investire 400 milioni di dollari in Pony.ai, valutando la startup ben 3 miliardi.

guida-autonoma-toyota-pony

LEGGI ANCHE: Elon Musk: “A breve le Tesla parleranno con i pedoni”

Pony.ai collabora con Toyota dal 2019 alla sperimentazione pubblica di veicoli autonomi. Con questo nuovo investimento, il loro rapporto diventerà ancora più stretto.

La startup di guida autonoma a Pechino e in California

Pony.ai ha già testato i taxi a guida autonoma a Pechino e Guangzhou dalla fine del 2018, nonché a Fremont e Irvine, in California.

La startup afferma di essere la prima azienda a lanciare un’operazione di guida autonoma e offrire corse di auto a guida autonoma al pubblico in Cina.

Toyota, la più grande casa automobilistica del mondo, ha finora tenuto ben segreto il suo programma di auto a guida autonoma.

guida-autonoma-toyota-pony

La società giapponese ha rilasciato alcune informazioni sui suoi veicoli di prova e sui tipi di sensori che utilizza, ma abbiamo visto pochissime auto in circolazione. Toyota ha in programma di effettuare un test con un numero limitato di passeggeri nel centro di Tokyo durante le Olimpiadi del 2020.

LEGGI ANCHE: A Tokio un cappello da samurai per combattere il caldo

Le auto saranno equipaggiate con il software “Chauffeur” di Toyota, che la casa automobilistica ha precedentemente descritto come “incentrato sulla piena autonomia, in cui l’essere umano viene sostanzialmente rimosso dall’equazione di guida, o completamente in tutti gli ambienti, o all’interno di un dominio di guida limitato”.

LEGGI ANCHE: Anche Toyota scommette sul taxi volante di Joby Aviation

Toyota ha un secondo prodotto chiamato “Guardian“, che è essenzialmente un sistema avanzato di assistenza alla guida simile all’autopilota di Tesla. Nessuno dei due viene offerto in nessuna macchina di produzione oggi.

guida-autonoma-toyota-pony

Il Toyota Research Institute, la divisione automobilistica con sede nella Silicon Valley, ha condotto test per diversi anni nel Michigan, in una struttura privata.

Nel 2018, la Toyota ha accettato di investire 500 milioni di dollari in un progetto di guida autonoma con Uber. Nell’ambito dell’accordo, le due società lavoreranno insieme per sviluppare auto a guida autonoma.

___

Leggi qui l’articolo completo.

Fabio Casciabanca

Fabio Casciabanca

Classe 1980, il che mi fa steampunk di nascita. Ho pubblicato la mia prima intervista nel 1992 sul Corriere del Giorno: avevo 12 anni e intervistare un venditore abusivo di sigarette è stata una vera impresa. Fino al 2018 ho fatto altre cose, ma cercatele voi: oggi sono Managing Editor di Ninja.it, la più importante rivista di settore in Italia sul marketing. La mia impronta verde: sono presidente dell'Associazione Missione Girasole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *