Basta gender divide: le armi sono formazione e competenze

Abbattere il gender divide sulle professioni digitali, ammesso che ancora esista davvero, è possibile.

Abbattere il gender divide Isabella D'Alba
Abbattere il gender divide – Isabella D’Alba

Come si fa? Con tanto, tanto lavoro e impegno.

Le Pink Digital sono la versione smart di Wonder Woman, la Settimana del Rosa Digitale lo renderà più chiaro a tutti gli aspiranti Superman.

Abbattere il gender divide

Le donne rosa, le donne del digitale, sono le stesse che accompagnano i bambini all’asilo o in palestra, che tengono insieme la famiglia distratta da mille vie di fuga. Sono quelle che lavorano duro, quando ci lamentiamo di come è stata faticosa la nostra giornata.

Isabella D’Alba, relatrice al prossimo Pink Digital, mi ha raccontato la sua giornata tra pannolini, scadenze e clienti.

LEGGI ANCHE: Il Rosa Digitale distruggerà il divide di genere?

Com’è la giornata tipo di una Pink Digital?

La mia giornata tipo mode-on Pink Digital?

Beh, inizia come tutte le comuni mortali preparando la colazione e vestendo i piccoli prima di accompagnarli all’autobus per la scuola.

Dopo un bel sospiro e un buon caffè  mi siedo alla scrivania e indosso l’uniforme da di Pink Digital, seguendo il mio calendario editoriale o in giro ad incontrare clienti e affrontando i vari progetti da realizzare.

StartupStockPhotos / Pixabay

Uso i miei super poteri per completare il lavoro entro le 4p.m., orario in cui, dopo una giravolta in cabina telefonica, svanisce l’incantesimo Donna Smart e ritorna la mamma che c’è in me!

Pretendiamo di più, in generale, dalle donne? Che siano professionali, mogli, mamme e casalinghe, rispetto agli uomini?

Beh, per esperienza personale potrei dire che, nonostante la donna riesca ad essere efficientemente multitasking, c’è sempre qualche uomo incapace di apprezzare al 100% l’impegno delle donne che lo circondano. Pertanto, credo che una donna debba i suoi meriti e le sue soddisfazioni personali solo a se stessa! Sempre a testa alta!

geralt / Pixabay

Abbattere il gender divide: carriera e famiglia possono conciliarsi o qualche rinuncia bisogna farla?

Entrambe le cose, si trova sempre un compromesso.

Sono sempre riuscita a conciliare la vita professionale con quella personale, l’importante è sapersi organizzare, per il resto serve solo tanta buona forza di volontà.

Non nego il fatto di aver dovuto rinunciare ad ottime proposte di formazione e lavorative, ma il dono della famiglia è qualcosa per cui ringraziare ogni giorno, cosa conta qualche sosta in più, se la strada è quella giusta?

janeb13 / Pixabay

Quanto conta per un bambino avere una mamma che sa utilizzare efficacemente gli strumenti digitali?

Sicuramente sarà un valore aggiunto per il bambino soprattutto in età avanzata quando si troverà alle prese, per esempio, con progetti ingegneristici o, magari,  programmare un sistema Arduino.

Un adulto che li guidi in questo mondo, sarà sempre ben accetto. Ma a mio parere i bambini di oggi hanno talmente così tanti input digitali che sono più avanti anche di noi sedicenti esperti.

Professioni digitali, esiste davvero il gender divide con gli uomini?

Ma no, credo sia solo una leggenda metropolitana ormai 🙂

Nel campo professionale digitale, a prescindere dall’età, dal sesso, nazionalità, ciò che conta davvero è quanto vali e le competenze di cui puoi effettivamente disporre. Altrettanto importante è un approccio dinamico ai problemi nell’individuazione delle soluzioni e la capacità stabilire un ottimo equilibrio in squadra.

abbattere-il-digital-divide
StartupStockPhotos / Pixabay

Esperienza sul campo o formazione per abbattere il gender divide?

Direi decisamente esperienza sul campo, con un background formativo professionale di spessore.

Pink Digital, perché vale la pena essere presenti?

Perché questa città (ma l’intero Paese) ha decisamente bisogno di una spinta rosa!

Noi donne dobbiamo imparare ad approfittare della rivoluzione digitale che ha accorciato enormemente le distanze, abbattendo numerosi muri e pregiudizi: età, sesso e altre banalità che, nel lavoro digitale, proprio non trovano posto.

abbattere-il-digital-divide

LEGGI ANCHE: #Timeout, la campagna di WeWorld in difesa delle donne

Anche le imprese potranno approfittarne, pescando sul territorio preziosi talenti e ritrovando tesori nascosti.

Per questo la tappa del Pink Digital di Taranto, manifestazione legata al movimento nazionale di Rosa Digitale, conta molto: da Taranto il Sud può ripartire, inventare e re-inventarsi.

Le armi del successo sono passione e cultura, e Taranto abbonda di entrambe!

 

Commenta su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *