Magazzino e IOT, una guida a colori per la sicurezza dei dipendenti

È 100% made in Italy l’ultima tecnologia sviluppata per aumentare la sicurezza dei lavoratori in magazzino. Stiamo parlando di sistema di segnaletica a colori basato su un sistema informativo automatizzato che permette ai carrelli elevatori e agli altri mezzi di muoversi autonomamente. 

Sviluppata da Motta Spa, un’azienda di Salerno impegnata nel settore del supply chain management, con il sostegno finanziamenti stanziati per la ricerca industriale dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), questa guida utilizza i colori per guidare i carrelli elevatori.

Come funziona? Tutto ruota attorno ad una serie di recettori installati sulle centraline dei mezzi. Bande cromatiche basate sulla tecnologia LED. Il sistema permette di veicolare i carrelli lungo un percorso prestabilito e di fermarli immediatamente se un operaio si trova in prossimità. Resta solo da capire se l’invenzione, che si presenta come soluzione low-cost ma è ancora in fase di “rodaggio”, riuscirà a migliorare effettivamente la qualità del lavoro nel magazzino. I presupposti sembrano buoni e anche questa, come ogni altra tecnologia che mira a salvaguardare la sicurezza sul lavoro, va certamente accolta con favore e incoraggiata.

La sicurezza è un aspetto fondamentale dell’attività logistica, specialmente negli spazi dove i dipendenti lavorano quotidianamente con mezzi pesanti. Senza gli accorgimenti che migliorano la sicurezza, aumentano i rischi di infortuni alle persone e di danni alle merci.

Per avere un flusso operativo il più possibile veloce e sicuro, in modo da garantire una rapida fornitura ai clienti senza trascurare la sicurezza dei dipendenti, centri di stoccaggio e i magazzini non possono prescindere dall’utilizzo di strumenti sicuri e performanti. I portoni industriali di ultima generazione – che grazie all’apertura verticale a scomparsa consentono di ottimizzare le operazioni di carico e scarico delle merci – e tutte le nuove tecnologie basate sull’Internet of Things saranno sempre più importanti per ammodernare i processi operativi nei grandi depositi e in tutte le aree destinate allo stoccaggio di materiali industriali.

Articolo sponsorizzato

Daria D'Acquisto

Amante dei libri, ma non solo della lettura, sono appassionata di innovazione e startup. Mi piacciono le belle idee, ma seguo solo quelle che poi diventano realtà. Copywriter specializzata in food e cultura, impegnata nel no profit, oggi mi occupo di business con un occhio particolare per le startup dell'ambito educational.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *