Le statue greche e romane erano coloratissime e non bianche

Siamo abituati a guardare le statue dell'arte classica completamente senza colore. Uno studio ci rivela la pigmentazione originale in epoca classica.

Siamo tutti abituati a guardare ad ammirare le sinuose forme delle statue greche e romane con il loro caratteristico colore bianco e beige. Ma non è sempre stato così: i Romani e i Greci amavano il colore, e molto più di quanto pensiamo.

I colori originali delle statue greche e romane

Per diverse centinaia di anni, abbiamo considerato il bianco delle statue classiche come lo standard di bellezza condiviso nell’antichità, che ha influenzato anche la storia dell’arte negli anni a venire.

LEGGI ANCHE: Lezione di Cicerone ai politici di oggi

Durante il Rinascimento gli artisti si affannavano tentando di raggiungere lo standard di perfezione estetica e semplicità artistica che lo stile classico esprimeva.

statue greche e romane

Ora, i ricercatori Inzenz Brinkmann y Ulrike Koch-Brinkmann hanno dimostrato quanto ci sbagliavamo.

Negli ultimi venti anni, attraverso l’uso della tecnologia, hanno riportato le statue greche e romane che tutti conosciamo al loro aspetto autentico, mostrandoci i colori originali.

LEGGI ANCHE: Leggende e storie dei templi greci e romani

Statue greche e romane

Le tecnologie utilizzate, analisi a raggi ultravioletti e infrarossi, hanno permesso di evidenziare scientificamente quello che molti archeologi davano ormai per sicuro: le statue antiche erano riccamente colorate e variopinte di colori vivi, caratteristica che hanno perso nel corso dei secoli.

statue greche e romane
Le statue greche e romane erano coloratissime

Le statue greche e romane: cultura greca e romana… a colori!

Il risultato è affascinante: la coppia di ricercatori ha ricreato la colorazione originale su alcune di queste opere d’arte. Guardandole si prova una specie di rifiuto atavico: è difficile per noi considerarle nel loro splendore nativo, colorate e luminose, abituati come siamo al candido bianco del marmo.

statue greche e romane

Ad una analisi più accurata, non può sfuggire che i colori conferiscono profondità e dettagli all’opera. Alcune statue ricolorate potranno addirittura apparirci kitsch ma non dimentichiamo che in quell’epoca storica l’abbigliamento era regolato da leggi piuttosto severe, da seguire a seconda dello stato sociale di appartenenza.

Non possiamo pensare che l’abbigliamento delle statue antiche sia un esempio di come vestiva l’intera popolazione.

Liberamente tradotto da revistadehistoria.es

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *