Tornano i Labyrinthus Noctis con il Terzo disco

Terzo full-length del quintetto milanese Labyrinthus Noctis, OFTQSSC rappresenta il disco che consacra la band alla maturità artistica, grazie a strutture complesse e ad assetto compatto che caratterizzano le tracce.

I tre capitoli del disco segnano le tappe di un viaggio cosmico che conduce ancora più in profondità nei meandri del pianeta Marte.

Fedele all’estro che accompagna la band alla sintesi di riferimenti musicali quali Goth, Doom, Dark, Folk, Prog ed Elettronica, questo disco registrato e prodotto presso lo Studio Alpha Omega di Blevio (CO) e lo studio A.D.S.R. di Milano da Carlo Meroni, è caratterizzato da percorsi introspettivi, dei quali si fa portavoce il più recente ingresso nella formazione del gruppo: l’oscura voce di Ivy.

Labyrinthus Noctis

Omaggio a Mia Martini, Padre Davvero si colloca a corollario delle 13 tracce che richiamano il percorso astrologico, l’Ofiuco che corona e completa un percorso musicale in grado di raccogliere l’elevato valore espressivo dei Labyrinthus Noctis.

Biografia dei Labyrinthus Noctis

I Labyrinthus Noctis sono una band Goth/Doom/Prog/Space/Avantgard metal di Milano, che unisce Goth, Doom, Dark, Folk, Prog ed Elettronica creando un’atmosfera tra l’onirico e il delirio, tra Eros e Thanatos, Passione e Distruzione.

Il “pianeta rosso” ha iniziato a brillare a Milano nel 2003, plasmato dai 3 membri fondatori, tuttora attivi in band: Moreno, Aeb e Ark. Nel 2005 pubblicano Forever Fallen Darkness, primo album ufficiale.

Dopo l’uscita del secondo disco D.U.N.N.O.S (2012), il cui artwork è tratto dalle opere del M° Saturno Buttò, la band si completa con l’ingresso al basso di Sin e con la conferma di un’entità astrale, unica nel suo genere, alle voci: Io.01. Figura aliena nel cui volto passano immagini di storie, emozioni e impressioni. Anche per l’utilizzo del manichino-alieno, la band si propone come del tutto innovativa nel panorama del metal underground, non solo italiano. Nel 2016 la band riprende a lavorare per il nuovo concept album, ma serviva dare un’evoluzione a Io.01.

Dall’incontro tra il metafisico di Io.01 e il fisico dei componenti, le opzioni sarebbero state due: deumanizzare la band o umanizzare Io.01. E’ così che nell’aprile 2017 la band dà il benvenuto a Ivy, nuova voce dell’entità che si è traumatizzata.

L’uscita del terzo album ‘Opting For The Quasi-Steady State Cosmology‘ è stata il 16 Aprile 2018 in formato digitale e in digipak con booklet a 12 pagine per l’etichetta indipendente ‘Vomit Arcanus Productions

LINE-UP dei Labyrinthus Noctis

Moreno: Guitars

Ark: Keyboards, Theremin, Effects

Aeb: Drums

Sin: Bass, Backing Vocals

Ivy: Lead Vocals

CONTATTI dei Labyrinthus Noctis

Labyrinthus Noctis Bandcamp: https://labyrinthusnoctis.bandcamp.com/

Labyrinthus Noctis Facebook: https://www.facebook.com/LabyrinthusNoctis/

Labyrinthus Noctis Reverbnation: https://www.reverbnation.com/labyrinthusnoctis

Labyrinthus Noctis Instagram: https://www.instagram.com/labyrinthusnoctis/

Fabio Casciabanca

Fabio Casciabanca

Classe 1980, il che mi fa steampunk di nascita. Ho pubblicato la mia prima intervista nel 1992 sul Corriere del Giorno: avevo 12 anni e intervistare un venditore abusivo di sigarette è stata una vera impresa. Fino al 2017 ho fatto altre cose, ma cercatele voi: oggi sono orgogliosamente Editor della sezione Business di Ninja Marketing: scrivo storie di startup di successo e PMI, di nuovi lavori e risorse umane. La mia impronta verde: sono presidente dell'Associazione Missione Girasole. buzzoole code

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *