Questo materiale trasforma i vestiti in un monitor per le condizioni di salute

I ricercatori hanno scoperto un nuovo materiale, abbastanza flessibile da essere tessuto nel tessuto ma intriso di capacità di rilevamento che possono servire come sistema di allarme rapido per lesioni o malattie.

Il materiale, descritto in un articolo pubblicato da ACS Applied Nano Materials, prevede l’uso di nanotubi di carbonio ed è in grado di rilevare lievi variazioni della temperatura corporea mantenendo una struttura disordinata flessibile, al contrario di una struttura cristallina rigida, rendendolo un buon candidato per sensori di temperatura corporea indossabili riutilizzabili o monouso.

materiale-che-monitora-le-condizioni-di-salute

I cambiamenti nel calore corporeo influiscono sulla resistenza elettrica, avvisando qualcuno che monitora il cambiamento alla potenziale necessità di intervento.

Il tuo corpo può dirti che c’è qualcosa che non va prima che diventi evidente“, ha detto Seamus Curran, professore di fisica all’Università di Houston e coautore del documento. Le possibili applicazioni vanno dal rilevamento della disidratazione in un ultra-maratoneta agli inizi di una piaga da decubito in un paziente della casa di cura.

LEGGI ANCHE: Una 13enne ha sviluppato un sistema per produrre ossigeno nello spazio

I ricercatori hanno affermato che è anche conveniente perché le materie prime richieste sono utilizzate in concentrazioni relativamente basse.

La scoperta si basa sul lavoro di Curran e dei colleghi ricercatori Kang-Shyang Liao e Alexander J. Wang, iniziata quasi un decennio fa, quando hanno sviluppato un nanocoating idrofobo per tessuti, che hanno immaginato come un rivestimento protettivo per abbigliamento, moquette e altri materiali a base di fibre.

LEGGI ANCHE: È arrivata una nuova bio plastica a base di scarti di pesce

Il materiale monitora la temperatura corporea

Il materiale, creato usando nanotubi di carbonio multistrato, è tecnicamente noto come nanocomposito polimerico, conduttivo, a base di nanocarburi o DCPN, una classe di materiali sempre più utilizzati nella scienza dei materiali.

Ma la maggior parte dei materiali DCPN sono scarsi elettroconduttori, che li rendono inadatti all’uso in tecnologie indossabili che richiedono che il materiale rilevi lievi variazioni di temperatura.

LEGGI ANCHE: Un mondo senza pesci: la campagna di Marine Stewardship Council

Wang ha affermato che il nuovo materiale è stato prodotto utilizzando una tecnica chiamata polimerizzazione RAFT, un passaggio fondamentale che consente di accoppiare elettronicamente e fononicamente il polimero attaccato al nanotubo di carbonio a pareti multiple attraverso un legame covalente.

materiale-che-monitora-le-condizioni-di-salute

Pertanto, le sottili strutture strutturali associate alla temperatura di transizione vetrosa del sistema sono amplificate elettronicamente per produrre le risposte elettroniche eccezionalmente grandi riportate nel documento, senza i negativi associati alle transizioni di fase solido-liquido. I sottili cambiamenti strutturali associati ai processi di transizione vetrosa sono normalmente troppo piccoli per produrre risposte elettroniche abbastanza grandi.

___

Leggi qui l’articolo completo.

Fabio Casciabanca

Chi sono Fabio Casciabanca

Classe 1980, il che mi fa steampunk di nascita. Ho pubblicato la mia prima intervista nel 1992 sul Corriere del Giorno: avevo 12 anni e intervistare un venditore abusivo di sigarette è stata una vera impresa. Fino al 2018 ho fatto altre cose, ma cercatele voi: oggi sono Managing Editor di Ninja.it, la più importante rivista di settore in Italia sul marketing. La mia impronta verde: sono presidente dell'Associazione Missione Girasole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *