Una 13enne ha sviluppato un sistema per produrre ossigeno nello spazio

Una ragazza israeliana di 13 anni ha inventato un sistema per la produzione di ossigeno nello spazio, ha annunciato giovedì il giornale ebraico Ma’ariv L’Noar.

Il progetto si è aggiudicato il premio “Satellite Is Born” dell’agenzia spaziale israeliana. Roni Oron ha sviluppato BioSat “per risolvere un problema per gli astronauti che cercano di dimostrare che la vita su Marte è possibile“.

LEGGI ANCHE: Il più grande produttore cinese di auto sta costruendo una rete di satelliti

Ossigeno nello spazio
Budding Israeli scientist Roni Oron. Photo: Family picture.

Un sistema satellitare per produrre ossigeno nello spazio

Oron ha spiegato che il suo satellite è “costruito come una grande bolla su un lato del quale c’è uno specchio, mentre l’altro lato è trasparente, consentendo la penetrazione della luce solare. Nel mezzo c’è una capsula, che sarà formata da una membrana attraverso la quale l’aria può passare ma l’acqua no. Al suo interno ci saranno acqua e alghe e all’esterno ci sarà l’anidride carbonica. Attraverso un processo di fotosintesi, il satellite produrrà ossigeno. Ci saranno ulteriori specchi all’interno del satellite che consentiranno alla luce solare di raggiungere la capsula, ma non per radiazione diretta, che danneggerebbe le alghe“.

LEGGI ANCHE: Jeff Bezos promette 10 miliardi per combattere i cambiamenti climatici

LEGGI ANCHE: Il robot per il prelievo del sangue può essere più bravo degli esseri umani

Oron ha raccontato a Ma’ariv L’Noar anche quanto sia stato importante il sostegno dei suoi genitori.

Mio padre, un ortopedico, era molto felice quando ho iniziato la mia ricerca“, ha detto. “Da mia madre ho imparato la saggezza di guardare la vita in modo creativo“.

LEGGI ANCHE: L’ESA crea un impianto per estrarre ossigeno dalla polvere lunare

___

Leggi qui l’articolo completo dalla fonte originale.

Fabio Casciabanca

Fabio Casciabanca

Classe 1980, il che mi fa steampunk di nascita. Ho pubblicato la mia prima intervista nel 1992 sul Corriere del Giorno: avevo 12 anni e intervistare un venditore abusivo di sigarette è stata una vera impresa. Fino al 2018 ho fatto altre cose, ma cercatele voi: oggi sono Managing Editor di Ninja.it, la più importante rivista di settore in Italia sul marketing. La mia impronta verde: sono presidente dell'Associazione Missione Girasole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *