La polizia di Londra userà il riconoscimento facciale con i ricercati

La polizia metropolitana di Londra ha dichiarato che utilizzerà la tecnologia di riconoscimento facciale per trovare criminali ricercati e persone scomparse.

Ha specificato che la tecnologia sarà implementata in “luoghi specifici”, ognuno con una “lista di controllo su misura” di persone ricercate, in particolare criminali considerati violenti.

LEGGI ANCHE: Space Force di Trump: il logo è quasi identico a quello di Star Trek

Tuttavia, un portavoce non è stato in grado di specificare quanti sistemi di riconoscimento facciale verranno utilizzati, dove o con quale frequenza.

Il Met (Metropolitan Police Service) ha affermato che l’uso della tecnologia sarà pubblicizzato in anticipo e contrassegnato da segni in loco. Ha aggiungto che la tecnologia non sarà collegata alle telecamere di sorveglianza esistenti della città o alle telecamere indossate dagli agenti di polizia.

riconoscimento facciale

Riconoscimento facciale per la lotta al crimine

L’annuncio segnala uno dei più significativi dispiegamenti di polizia del riconoscimento facciale in Occidente, da parte di una delle più grandi forze di polizia nel mondo democratico.

Il Met ha oltre 30.000 ufficiali, che coprono i 32 distretti della grande Londra. La capitale del Regno Unito è già una delle città più sorvegliate al mondo, con circa 627.000 telecamere, secondo CCTV.co.uk, la maggior parte delle quali di proprietà privata.

Vedere una grande forza di polizia in una democrazia occidentale abbracciare il riconoscimento facciale non può che incoraggiare regimi più repressivi in ​​altre parti del mondo, afferma Silkie Carlo, direttore di Big Brother Watch nel Regno Unito.

Secondo lui, gli attivisti di Hong Kong, Russia o Sud America potrebbero avere maggiori difficoltà a respingere un uso allargato del riconoscimento facciale.

LEGGI ANCHE: Google ha trovato vulnerabilità in Safari sul tracciamento degli utenti

Carlo afferma che il riconoscimento facciale viene già utilizzato in modi dubbi nel Regno Unito, ad esempio per monitorare il Carnevale di Notting Hill, un evento importante nella cultura nera britannica. “È intrinsecamente uno strumento autoritario e si presta ad abusi di potere“, ha detto.

riconoscimento facciale

Il commissario della polizia metropolitana, Nick Ephgrave, ha dichiarato invece che la tecnologia aiuterebbe la polizia di Londra a combattere i crimini violenti. “In quanto moderna forza di polizia, credo che abbiamo il dovere di utilizzare le nuove tecnologie per proteggere le persone a Londra“, ha affermato Ephgrave.

I gruppi per le libertà civili hanno criticato la decisione. “In quanto tecnica di sorveglianza altamente invadente, il [riconoscimento facciale] può offrire alle autorità nuove opportunità per minare la democrazia con la scusa della sua difesa“, ha dichiarato Privacy International in una nota.

Riconoscimento facciale e privacy

Il riconoscimento facciale è aumentato rapidamente negli ultimi anni, grazie ai progressi nell’apprendimento automatico. Con sufficienti dati di addestramento di alta qualità e potenza di elaborazione, è ora possibile per i computer individuare i volti da una folla con elevata precisione.

Ma la tecnologia si è dimostrata controversa, in parte a causa della sua capacità di invadere la privacy delle persone, ma anche perché senza dati di formazione diversi può funzionare meglio su alcuni tipi di persone (di solito maschi bianchi) rispetto ad altri.

LEGGI ANCHE: Il CEO di Google ha detto che i governi dovrebbero regolamentare l’AI

Il riconoscimento facciale negli USA

Diverse città degli Stati Uniti, tra cui San Francisco e Oakland in California e Somerville in Massachusetts, hanno vietato l’uso ufficiale del riconoscimento facciale.

Nel frattempo, nei paesi autoritari, il riconoscimento facciale sta rapidamente diventando uno strumento di routine di polizia e controllo del governo.

Consentire alla polizia di scansionare i volti di passanti innocenti in cerca di criminali mette in discussione l’aspettativa di privacy di una persona negli spazi pubblici.

I test a Londra sono già conclusi

La polizia metropolitana ha precedentemente testato il riconoscimento facciale in 10 località, incluso il West End di Londra.

I funzionari hanno affermato che in questi processi, il 70% dei ricercati sospetti sono stati individuati, mentre solo una persona su 1.000 è stata erroneamente contrassegnata. Ma anche questi esperimenti limitati sono stati controversi.

riconoscimento facciale

Le perplessità dei ricercatori dell’Università dell’Essex

I ricercatori dell’Università dell’Essex a cui è stato dato accesso alle prove hanno offerto una valutazione più critica dell’esperimento in un rapporto prodotto nel luglio 2019. 

Infatti, affermano che i criteri per una lista di controllo erano spesso poco chiari e che le persone a volte rimanevano nella lista dopo essere stati assolti da un crimine. Hanno quindi concluso che la tecnologia potrebbe non essere in grado di far fronte alle sfide legali previste dal diritto dei diritti umani.

LEGGI ANCHE: L’ESA crea un impianto per estrarre ossigeno dalla polvere lunare

Anche il Parlamento affronta la questione

Alcuni membri del Parlamento sono ugualmente preoccupati. David Davis, membro conservatore del Parlamento per Haltemprice e Howden, ha dichiarato su Twitter che l’Ufficio per la sicurezza e l’antiterrorismo in precedenza lo aveva informato che stava ancora rivedendo l’ambiente normativo per quanto riguarda il riconoscimento facciale. “Non riesco a vedere come le notizie di oggi possano essere compatibili con questo“, ha scritto Davis nel suo tweet.

___

Puoi leggere qui l’articolo originale.

Fabio Casciabanca

Chi sono Fabio Casciabanca

Classe 1980, il che mi fa steampunk di nascita. Ho pubblicato la mia prima intervista nel 1992 sul Corriere del Giorno: avevo 12 anni e intervistare un venditore abusivo di sigarette è stata una vera impresa. Fino al 2018 ho fatto altre cose, ma cercatele voi: oggi sono Managing Editor di Ninja.it, la più importante rivista di settore in Italia sul marketing. La mia impronta verde: sono presidente dell'Associazione Missione Girasole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *